Studenti Stranieri

IMMATRICOLAZIONE STUDENTI STRANIERI

Se sei uno studente extra-UE, controlla se hai bisogno di un visto tramite: https://vistoperitalia.esteri.it/home.aspx.

Nel caso in cui sia necessario un visto, per ottenerlo è necessario richiedere la pre-iscrizione.

La domanda di pre-iscrizione deve essere effettuata esclusivamente tramite il portale Universitaly.

Questa procedura riguarda anche i futuri studenti cinesi del programma Turandot ed è valida per qualsiasi Istituto di Istruzione Superiore italiano.

Dopo aver presentato la domanda, l’Ente prescelto effettuerà una valutazione preventiva della stessa. Nel caso in cui alcuni documenti risultino mancanti o incompleti o la tua domanda non possa essere accettata, riceverai una richiesta di fornire ulteriori informazioni o un rifiuto motivato.

In caso di valutazione positiva da parte dell’Istituto di Istruzione Superiore, l’Ambasciata / Consolato italiano verrà automaticamente avvisato e dopo le dovute verifiche finalizzerà la procedura per il visto.

CITTADINI NON COMUNITARI RESIDENTI ALL’ESTERO

I cittadini non comunitari che non risiedono già in Italia, devono presentare una domanda di preiscrizione presso la Rappresentanza Diplomatica italiana del Paese in cui è stato conseguito il titolo di studio, seguendo le indicazioni e le scadenze stabilite dal Ministero.

Per questi studenti viene stabilito annualmente un numero di posti riservati (contingente).

Dopo aver presentato i documenti alla Rappresentanza Diplomatica italiana, quest’ultima dopo le opportune verifiche, restituirà ai candidati:

  • la domanda di preiscrizione con autentica della fotografia e della firma
  • la documentazione relativa agli studi svolti tradotta e legalizzata
  • la Dichiarazione di valore dei titoli conseguiti.

Le Autorità diplomatiche inoltrano alle Università scelte dagli studenti (solitamente nel mese di luglio), tramite posta elettronica certificata, l’elenco dei candidati suddivisi per corsi di laurea e di laurea magistrale.  Gli Atenei, dopo un primo controllo amministrativo delle richieste, comunicheranno alle Rappresentanze l’ammissione “con riserva” alle prove dei singoli candidati e indicheranno la sede, la data, l’orario e le modalità di svolgimento delle prove di ammissione e della prova di lingua italiana.

Per l’ammissione ai corsi di diploma accademico di primo o secondo livello lo studente dovrà sostenere la prova di conoscenza della lingua italiana.

In base alla normativa contenuta nella circolare ministeriale non si deve sostenere tale prova di conoscenza della lingua italiana – e in alcuni casi non si è sottoposti al limite del contingente – se si possiedono determinati titoli di studio o certificazioni in competenza di lingua italiana.

Lo studente che deve sostenere la prova di lingua italiana e non la supera non ci si può immatricolare e deve lasciare l’Italia prima della scadenza del visto.

Dopo aver superato le prove richieste lo studente dovrà consegnare in Segreteria la documentazione rilasciata dalla Rappresentanza diplomatica e la ricevuta dimostrante la presentazione della richiesta di permesso di soggiorno.

Per concludere l’immatricolazione è necessario consegnare una copia del permesso di soggiorno in Segreteria Studenti appena rilasciato. Ogni anno è obbligatorio portare in Segreteria una copia del rinnovo del permesso di soggiorno.

CITTADINI COMUNITARI, CITTADINI NON COMUNITARI REGOLARMENTE SOGGIORNANTI E CITTADINI ITALIANI CON TITOLO CONSEGUITO ALL’ESTERO

Rientrano in queste categorie:

i cittadini di Paesi che appartengono all’Unione Europea   gli equiparati ai comunitari (i cittadini di Norvegia, Islanda, Liechtenstein, Svizzera e Repubblica di San Marino)   i cittadini non comunitari già in Italia con permesso di soggiorno ottenuto per lavoro (autonomo o subordinato), motivi familiari, asilo politico e motivi religiosi, i cittadini italiani che hanno un titolo di studio rilasciati da autorità estere.

I cittadini comunitari (e gli equiparati), i cittadini extracomunitari regolarmente soggiornanti in Italia e gli italiani in possesso di un titolo di studio straniero, NON DEVONO effettuare la “preiscrizione” all’Università tramite la Rappresentanza diplomatico-consolare italiana, NON DEVONO sostenere la prova di conoscenza della lingua italiana.

I titoli di studio conseguiti all’estero, vanno corredati di traduzione in lingua italiana, di legalizzazione e di “dichiarazione di valore in loco” a cura della Rappresentanza diplomatica italiana competente per territorio.

Per la traduzione della documentazione se lo studente è all’estero, potrà ricorrere a traduttori locali ma dovrà chiedere alla Rappresentanza italiana la conformità di tale traduzione. Se l’interessato è in Italia può rivolgersi ai Tribunali che dispongono di traduttori ufficiali.

Le Dichiarazioni di valore devono essere richieste alle Ambasciate o ai Consolati italiani nello Stato nel quale si è conseguito il titolo di studio.

CHIARIMENTI E INFORMAZIONI COMPLETE SU:

Didattica

Per pagamento quota ammissione

5 x 1000

Albo d’Oro

Francesco Peluso

Francesco Peluso, allievo della classe di chitarra del M° Ferrario, si è

Filippo Cortellari

Filippo Cortellari, allievo della classe di clarinetto del M° Enrico Maria Baroni,

Bandi

Eventi

ottobre, 2021

Questo sito Web utilizza i cookie per assicurarti di ottenere la migliore esperienza sul nostro sito web. Utilizzando il nostro sito acconsenti ai cookie. Per Saperne di più

X